Har Gilboa (Israele): Sunkid è stato scelto come partner di un progetto di importanza storica

Sunkid installa due nastri trasportatori in una regione dalla storia particolarmente movimentata.

La città palestinese di Jenin e l’unità amministrativa israeliana di Ghilboa sono state per molti anni un punto caldo dal punto di vista politico, ma negli ultimi tempi la situazione ha iniziato a distendersi. Oggi, in molti ambiti c’è addirittura una cooperazione da entrambe le parti, a cui si accompagna la realizzazione di progetti comuni. Molti di questi sono volti a incrementare il turismo, come sul Monte Ghilboa, dove è stato costruito un centro sportivo con pista da sci con neve artificiale. Per consentire la risalita sono stati installati due tappeti magici Sunkid che hanno una lunghezza complessiva di 200 metri.

 

Il partnenariato tra le città di Ghilboa (Israele) e Jenin (Palestina) è un esempio di come la cooperazione regionale che da qualche anno sta iniziando a farsi strada ai confini tra Israele e Palestina possa avere successo. In questi anni sono stati avviati diversi progetti, tra i quali “Turismo per la pace”, che ha l’obiettivo di lasciarsi alle spalle il passato e di rendere questa regione più attraente per i turisti, attraverso una serie di investimenti mirati. Lo stesso vale anche per il paesino di Sdei Trumot, che sorge alle pendici del Monte Ghilboa: qui è stato infatti allestito un centro sportivo che vanta la prima pista con neve artificiale in Terra Santa. Per il momento sono soprattutto i bambini e i ragazzi dei kibbuz circostanti ad approfittare con gioia di quest’offerta, godendosì così la libertà riacquistata.

 

L’impianto sul Monte Ghilboa offre inoltre l’opportunità di praticare questo hobby tutto l’anno, visto che sul Monte Hermon i giorni con neve assicurata sono limitati e che ben pochi sciatori israeliani possono permettersi una settimana bianca all’estero. Viste le elevate temperature, i maestri di sci preferiscono alle solite tute pantaloncini corti e invece dei comuni panorami di montagna, durante le discese gli sciatori potranno ammirare il paesaggio della valle di Harod, caratterizzato da alberi di ulivo e cipressi. Ma la risalita avviene proprio come in moltissimi altri comprensori sciistici in tutto il mondo, ovvero grazie a due tappeti magici Sunkid lunghi rispettivamente 69 e 129 metri. La superficie “Rough-Top” e la larghezza di 600 mm del nastro trasportatore garantiscono stabilità e un trasporto sicuro anche agli sportivi provvisti di bob. Visto che molti dei passeggeri sono sciatori alle prime armi, la tranquilla e comoda risalita garantita dal tappeto magico Sunkid è ancora più apprezzata, e questo vale per tutti gli sciatori principianti, da quelli che affrontano le piste delle Alpi a quelli che si godono discese soleggiate in Israele.

2011-06

Preferiti

Chiudi
Positionen Filtern nach: alles Anzeigen | Produkte | Projektberichte | Bilder Bestellung
All'inserimento dati